SHARE

Nell’attesa che la Cassazione si pronunci sulla ricusazione del giudice da parte della difesa il tabaccaio Roberto Chiarenza, 51 anni, di Grotte, accusato di stalking ai danni di un collega e di due donne, finisce a processo. Il gup Francesco Provenzano ha deciso il rinvio a giudizio del commerciante che nei giorni scorsi è tornato libero per decorrenza dei termini di custodia cautelare. Al centro della contesa da cui è scaturita la vicenda giudiziaria ci sarebbe una giovane rumena. naca

Chiarenza, dopo avere avuto una relazione con la ragazza di origini straniere, non avrebbe accettato che la stessa avesse interrotto il rapporto e, pare, avesse iniziato a coltivare una frequentazione con un altro tabaccaio di Grotte. Da quel momento Chiarenza, che è difeso dall’avvocato Gianfranco Pilato, avrebbe iniziato a perseguitare la rumena con l’invio di scritti anonimi e fotografie. Stesso trattamento per il nuovo presunto amante della donna e la moglie di quest’ultimo.

SHARE