SHARE

Una bottiglia di benzina, due cartucce da caccia e una lettera di minaccia. Era composto così il messaggio intimidatorio nei confronti del neo consigliere comunale di Licata Calogero Scrimali. Una intimidazione messa a segno lo scorso 16 giugno, ma di cui si è avuta notizia soltanto ieri. Scrimali ha rinvenuto la busta davanti al cancello della sua abitazione in contrada Tufarello. Delle indagini si sta occupando la polizia di Stato.

SHARE