SHARE

Il Partito democratico sta lavorando per lo scioglimento anticipato della legislatura in Sicilia ma cercherà una via d’uscita condivisa con il governatore Rosario Crocetta, che rimane chiuso nella sua casa a Tusa. I dirigenti del Pd, secondo quanto riportato da La Repubblica e dall’Ansa, ne hanno già discusso ieri sera e gli incontri tra i big stanno proseguendo in queste ore. A prescindere della veridicità della frase shock del medico Matteo Tutino, intercettato, contro Lucia Borsellino, – alla quale si sono poi aggiunte le altre intercettazioni pubblicate dal Giornale di Sicilia – il Pd è convinto che il clima attorno a Crocetta è talmente pesante da non poter più andare avanti, ma per rispetto del governatore il partito vuole condividere con lui la decisione di staccare la spina. E’ probabile un vertice imminente tra la maggioranza e il governatore, che tra l’altro dovrà riferire all’Ars martedì prossimo 21 luglio.

SHARE