SHARE

Expo 2015 e la cucina siciliana: un amore che cresce di volta in volta con nuove iniziative volte a valorizzare le ricette tipiche dell’isola.

Due gli eventi che vedono protagonista il gusto siciliano ad Expo, oggi 7 agosto. Oggi è infatti iniziata la settimana “Terre del Nisseno dedicata non solo alla provincia di Caltanissetta ma anche a quelle di Agrigento, Enna e Palermo per un totale di 16 comuni coinvolti. Protagonista della giornata il panificatore Maurizio Spinello, che ha raccontato il profumo e la fragranza del pane siciliano (ma anche dei biscotti tipici!) in un laboratorio per grandi e piccini. Per l’intera settimana, l’appuntamento con Leonardo Cumbo è alle 11.30. L’artista siciliano, famoso per le sue sculture polimateriche, ironiche e interattive, gestirà il Laboratorio di Scultura con l’assemblaggio di grossi monoliti.

Durante tutta la settimana il pane sarà al centro di discussioni e dibattiti: la sua valenza nutritiva, il suo legame con la terra e le tradizioni e le nuove tecnologie a servizio del gusto. E i piatti tipici, il pane di San Giuseppe, i dolci del periodo pasquale, e tutte quelle pietanze della tradizione, tramandate al popolo siciliano dalle dominazioni spagnole, normanne, arabe.

Proprio il profondo legame tra la cucina siciliana e quella araba, dalla quale ha colto numerosi spunti, profumi, spezie e piatti, sarà esplorato stasera alle 20.00 nel Cluster Biomediterraneo. Il progetto “Les Voyages de la Connaissance” sottolinea proprio i punti in comune tra Sicilia e Tunisia, a livello di sapori e tradizioni (basti pensare al cous cous, ormai un piatto tipico siciliano, soprattutto nel Trapanese!). Si analizzeranno gli obiettivi raggiunti in termini di promozione e valorizzazione del patrimonio artistico, culturale, eno-gastronomico dell’isola mediterranea e del Paese arabo suo dirimpettaio. Per amare e valorizzare quei tesori attraverso gli itinerari turistici della Cooperazione Transfrontaliera e favorire la rinascita di due terre affascinanti, calde e passionali che hanno tanto in comune.