SHARE

I concorsi di bellezza vanno a braccetto con l’estate. Complici le temperature caldissime, ragazzi e ragazze sfilano in costume e in abiti eleganti per aggiudicarsi le fasce dei più belli. Domenica 16 agosto, a Ragusa, il beauty contest più atteso sarà Miss Trans Sicilia e Sardegna. 

Negli ultimi anni il concetto di bellezza è stato rivoluzionato più volte, con l’obiettivo ultimo (ma ancora lontano da raggiungere) di liberarlo dalle etichette. Bello è tutto ciò che piace, certo, ma anche tutto ciò che brilla dall’interno per allegria, sicurezza e charme. Così i canoni estetici si modellano e si modificano. Non più, o almeno non solo, ragazze magrissime e ragazzi palestrati. Nasce da questa idea il concorso Miss Trans, che punta a valorizzare bellezza e fascino dei concorrenti valicando le barriere del pregiudizio. 

Lo sa bene Morgana Gargiulo, palermitana che ha vinto questo concorso in Sardegna lo scorso anno. E che quest’anno lo organizza a Ragusa, impegnandosi ad avvicinare comunità LGBT distanti. La regina delle due isole – così viene chiamata Morgana Gargiulo – ha infatti unito Sicilia e Sardegna nel concorso di Miss Trans, aperto anche a concorrenti del Sudamerica. Minimo comun denominatore, l’amore per la bellezza e lo spirito latino. 

Sul palco insieme a Morgana, ci saranno Mary Ferrari e Linda Rei, vincitrice della fascia di Miss Trans International 2015. A giudicare le reginette ci sarà invece una giuria competente  presieduta dall’attrice Loredana Cannata e composta anche da Angelo Russo, attore nella fiction di Montalbano, e Regina Satariano, responsabile del consultorio transgenere di Torre del Lago che permette alle persone che vogliono fare il percorso di essere assistite gratuitamente fino all’intervento.

Durante la serata, il 16 agosto alle 20.30 presso il parco Vitality di Ragusa, interverranno Dafne Caccamo, ed Emanuele Micilotta, presidente e vice presidente dell’Arcigay Ragusa. Insieme alle concorrenti sfileranno alcuni bambini, per dire NO alla pedofilia, all’omofobia e alla trasfobia.