SHARE

Sono ben 2202 mafiosi arresati negli ultimi dodici mesi in Italia, di questi 64 erano latitanti e, in particolare, otto erano inseriti nell’elenco di massima pericolosità. Sono questi alcuni numeri illustrati oggi dal ministro dell’Interno Angelino Alfano nell’incontro di Ferragosto con la stampa. Attualmente sono 750 i detenuti ai quali viene applicato il 41 bis (il regime di carcere duro) mentre ammonta a 932milioni di euro la somma a disposizione del fondo unico per la giustizia. I beni sequestrati sono stati 14530 mentre 3801 sono quelli confiscati. “I risultati eccezionali che abbiamo registrato – ha detto il ministro dell’Interno  – certificano che la nostra forza sta proprio nelle prevenzione e poi nella certezza della pena. Arresto di latitanti, carcere duro, sequestro e poi confisca beni. Con queste misure lo Stato – ha sottolineato  Angelino Alfano – porta avanti la sua lotta contro il crimine organizzato”.