SHARE

“Non è mai troppo tardi. Un mese dopo la mia mozione per l’azzeramento dei gettoni di presenza per la partecipazione alle riunioni delle commissioni consiliari, anche altre voci si stanno unendo alla mia. Trenta giorni dopo la mia proposta è arrivata infatti anche quella del consigliere Vaccarello per una forte riduzione del gettone di presenza. Effetti della presenza del Movimento Cinque Stelle in consiglio comunale: veniamo seguiti a ruota nella battaglia per ridurre i costi della politica. La rivoluzione è cominciata. E i fatti parlano”. Lo scrive in una nota il consigliere comunale del Movimento 5 Stelle di Agrigento Marcello La Scala.

“Il 13 luglio scorso, con numero protocollo 50691, è stata registrata al Comune di Agrigento la mia mozione per i tagli sulle spese della politica e si tratta di una delle dodici tra interrogazioni, mozioni, richieste di accesso agli atti regolarmente protocollati su temi e proposte di estremo interesse e in alcuni casi piuttosto urgenti. Non sono pertanto tra quelli che fanno chiacchiere. So che gli elettori – ha aggiunto La Scala – mi hanno dato un mandato perché mi adoperi concretamente per il bene della città e questa è la mia missione quotidiana ormai. Una missione che spero   altri consiglieri comunali cercheranno di portare a termine, almeno in parte, anche gratuitamente. Sono pertanto lieto di leggere che anche un altro collega, sebbene un mese dopo, si sia unito alla mia richiesta di realizzare forti tagli sui nostri compensi. Adesso attendo insieme a lui che anche gli altri colleghi presentino proposte in consiglio comunale che abbiano le stesse intenzioni. Presto i cittadini sapranno e valuteranno – ha concluso il consigliere pentastellato – chi fa della politica un mestiere per arrotondare e chi ne fa una missione”.

SHARE