SHARE

Una cucina semplice, sana e genuina, basata su prodotti della terra a “km zero”, preparati dalle mani esperte delle signore della Brigata di Cucina Mandrarossa, da abbinare a vini eccellenti e famosi nel mondo. Mentre tra sapori e profumi, spettacoli, cultura e incontri va in scena la “vendemmia più grande d’Europa”. E’ tutto pronto per il Mandrarossa Vineyard Tour, in programma a Menfi il 29 e 30 agosto.

Oltre a degustare la selezione di vini pregiati della Settesoli, enoturisti e visitatori potranno partecipare ai seminari enogastronomici per imparare come nascono “la pasta di casa” fatta a mano, con salsa di pomodoro raccolto nell’orto dietro casa, e il pane da lievito madre condito con l’olio di Nocellara del Belìce, ma anche le verdure spontanee e i formaggi del Belice, come la tuma e la vastedda. Un ric co weekend in cui il vino e il cibo della cucina contadina saranno i protagonisti. Da mezzogiorno fino alle 20 presso Pineta Molinari e Casa Mandrarossa (a Bertolino Làgano), all’ombra di pini secolari che guardano la spiaggia delle Giache Bianche, sarà possibile ascoltare gli esperti gastronomi del territorio – spiega una nota – che racconteranno storia, origine e peculiarità delle materie prime locali d’eccellenza, olio, grano, pane, sarde, formaggi, ortaggi.

Un universo di varietà e sapori, basati su concetti quali stagionalità, biodiversità, naturalità e tanta esperienza, quella dei piccoli produttori. Al Vineyard Tour le signore della Brigata di Cucina Mandrarossa, nei diversi banchi di degustazione, racconteranno le antiche ricette di famiglia e proporranno cibi che rispecchiano il territorio e la comunità. È proprio questa la mission: valorizzare e promuovere la cucina tradizionale e il vino del territorio, che si rivelano nella magia di sapori antichi ma carichi di straordinaria contemporaneità.

SHARE