SHARE

Raffica di furti nell’Agrigentino. A Porto Empedocle è stato preso di mira lo stabilimento balneare “Mediterraneo” al Lido Azzurro. Ignoti malviventi, dopo aver forzato con degli arnesi da scasso il cancello e la porta sul retro del locale, hanno arraffato un televisore, un computer e anche un registratore di cassa che si trovavano all’interno del bar, ristorante e pizzeria. L’ammontare dei danni non è stato ancora quantificato, ma tutto sommato non dovrebbero essere ingenti. I proprietari si sono accorti ieri mattina della “visita” dei ladri e hanno subito lanciato l’allarme al 112. Sul posto, per i rilievi di rito, sono arrivati i carabinieri della locale stazione, coordinati dalla compagnia di Agrigento, che hanno dato il via alle indagini nel tentativo di individuare gli autori.

A Bivona un furto è stato, invece, commesso ai danni del bar, pasticceria e tavola calda “Caffè Valì” che si trova in  contrada Santa Filomena sulla strada statale 118 “Corleonese Agrigentina”. Dopo l’irruzione nel locale i ladri, in questo caso, hanno trafugato il registratore di cassa, un cambia monete e delle stecche di sigarette. Il “bottino”, ancora da quantificare, sembra di una certa entità. Stanno indagando i carabinieri della locale stazione coordinati dalla compagnia di Cammarata.

Ladri in azione anche a Cattolica Eraclea. In contrada Salina, lungo la strada provinciale che porta a Raffadali, ignoti hanno svaligiato nei giorni scorsi la casa di campagna di un pensionato del luogo. I ladri hanno portato via con loro una cucina a gas, un frigorifero, un televisore, una specchiera e diversi mobili. Per trasportare l’ingombrante refurtiva è stato utilizzato molto probabilmente un camion o forse un furgone. Sul posto si sono recati i carabinieri della locale stazione, diretti dal maresciallo Liborio Riggi, che dopo aver raccolto la denuncia del proprietario della casa hanno cominciato ad indagare sperando di acciuffare gli autori del furto.

SHARE