SHARE
Foto dalla paginaFacebook Paese Montallegro

Esasperazione per i cattivi odori che da valle arrivano giù in paese e proteste contro la maxi discarica di contrada Matarana, tra Siculiana e Montallegro.

Una manifestazione contro il tanfo che arriva dalla maxi discarica dei Catanzaro che raccoglie i rifiuti di mezza Sicilia sarà promossa dall’amministrazione comunale montallegrese guidata dal sindaco Pietro Baglio. Il primo cittadino chiederà le autorizzazioni necessarie alle autorità competenti. Lo ha assicurato stasera, venerdì 18 settembre, nell’aula consiliare “Falcone e Borsellino”, dove ha promosso un’assemblea pubblica “per discutere delle problematiche relative al tanfo causato dalla discarica dei rifiuti di contrada Matarana”. Più di un centinaio le persone che hanno partecipato all’assemblea, diversi gli interventi di cittadini che hanno dato voce all’esasperazione per i cattivi odori costretti a subire sia quelli che arrivano dalla discarica, sia quelli lasciati dagli autocompattatori che perdono percolato.

Il primo cittadino e l’assessore all’Ambiente Andrea Iatì, dopo le prime comunicazioni ufficiali di marzo e agosto scorsi, hanno scritto un’altra lettera nei giorni scorsi con richiesta di interventi alla ditta Catanzaro Costruzioni, titolare dell’impianto, inviata per conoscenza al Presidente della Regione Rosario Crocetta nella qualità di Commissario per l’emergenza rifiuti, all’Arpa, all’Asp di Agrigento e agli altri organi di competenza. A chiedere con una lettera interventi al prefetto Nicola Diomede anche il capogruppo dell’opposizioni Giovanni Cirillo. “La situazione è diventata insopportabile e spinge la popolazione all’esasperazione – scrivono Baglio e Iatì – perché a qualsiasi ora del giorno e della notte le persone si vedono costrette a respirare i cattivi odori che infestano l’aria. Invitiamo la ditta e le competenti autorità ad adoperarsi per rimuovere questo problema, al fine di salvaguardare la salute della popolazione di Montallegro”. Interventi che però non sono ancora arrivati, di cui non si sente nemmeno l’odore.

SHARE