SHARE
Foto di Alessandro Gristina

Si prospetta un’annata di ottima qualità per la produzione di Olio Extravergine di Oliva a Menfi, in provincia Agrigento. Le temperature del mese di agosto al di sopra dei 40° C hanno ridotto la popolazione della Mosca dell’Olivo (Bactrocera oleae), mentre le temperature più basse del mese di settembre – anche se con massime superiori ai 30° C – non hanno fatto rilevare incrementi degli insetti, la cui presenza si attesta al minimo. Lo rileva Antonino Montalbano, agronomo esperto in tecnologie alimentari, che stima per la raccolta 2015 anche una buona produzione in termini di quantità. “Una buona notizia dopo il record negativo della produzione di olio registrata lo scorso anno: bassissima produzione di olive con scarsa resa in Olio Extravergine di Oliva. È stato difficile – spiega Montalbano – soddisfare tutte le richieste con la conseguente fine delle scorte già nei primi mesi del 2015”.

Si delinea quindi una grande richiesta già nelle prime fasi di produzione per accaparrarsi l’Olio Extravergine di Menfi, tesi avvalorata dall’assenza di residui della produzione dell’anno precedente. Scattano quindi i pre-ordini per assicurarsi le scorte migliori e sul territorio l’Azienda Agricola Montalbano – per soddisfare le richieste dei suoi clienti – ha attivato una sezione “Prenota Olio” sul proprio sito web www.agricolamontalbano.it in modo da permettere, spiega in una nota, di prenotare sin d’ora l’Olio Extravergine di Oliva Biologico appena prodotto. “La nostra azienda lavora in agricoltura Biologica e i trattamenti sono effettuati con prodotti naturali – spiega Montalbano –. Abbiamo utilizzato il Caolino, minerale appartenente alle argille, con lo scopo di ricoprire la superficie dell’oliva riducendo la possibilità di attacco da parte della mosca e con lo scopo di evitare le ustioni da sole. Si riduce cosi l’acidità dell’olio extravergine che risulta prossima allo zero“.

 

 

SHARE