SHARE

Una lettera di minacce è stata recapitata ieri all’assessorato regionale all’Economia. Il foglio è scritto al computer, destinatario l’assessore Alessandro Baccei, che ha bloccato la spesa per la crisi di liquidità della Regione siciliana. “Baccei, farai la fine di Salvo Lima. Noi siciliani siamo stanchi di un toscano di m… nella nostra isola”.

La lettera era contenuta in una busta giunta nella sede dell’assessorato regionale all’Economia, a Palermo, e aperta all’ufficio protocollo. Dopo aver letto i contenuti della missiva, secondo quanto riferisce l’Ansa, è stato subito informato l’assessore Baccei che si trova a Roma per impegni istituzionali, legati proprio alla questione del bilancio della Regione siciliana. E’ stata quindi avvertita la Prefettura, le indagini sono state affidate alla Digos. “Quanto accaduto è il sintomo del clima di tensione che stiamo vivendo”, dice uno dei collaboratori dell’assessore Baccei.

“All’assessore Baccei va tutta la mia più convinta solidarietà personale e dell’intero Parlamento siciliano. Non può essere consentito a nessuno minacciare di morte un rappresentante istituzionale, reo solo di fare il proprio dovere. Episodi come questi vanno condannati, senza se e senza ma”. Lo ha affermato in una nota il presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Giovanni Ardizzone, commentando la lettera di minacce giunta oggi all’assessore per l’Economia del governo Crocetta.

SHARE