SHARE

Colazione a base di ficodindia di Sicilia nel weekend al Cluster BioMediterraneo dell’Expo 2015 coordinato dalla Regione siciliana. A sbucciarli per visitatori, turisti e foodies anche il raspoensabile unico del cluster Dario Caltabellotta. Il ficodindia è uno dei frutti che si sta rivalutando nella promozione dell’agroalimentare in Sicilia. Successo ha riscosso nei giorni scorsi il Ficodindia Fest 2015 a Santa Margherita Belice e nuove iniziative per la trasformazione del ficodindia sono state avviate dal Parco archeologico della Valle dei Templi di Agrigento diretto da Giuseppe Parello.

Il Ficodindia (Opuntia Ficus Indica) fa parte della famiglia delle cactacee. E’ una pianta sempreverde, legnosa, di origine messicana ed è stata introdotta in Europa nel 1500. In Sicilia si è ben acclimatata e diffusa in tutto il territorio regionale ed è utilizzata prevalentemente per la realizzazione di siepi, ma si è ampiamente sfruttata anche per scopi alimentari. Il frutto è commestibile, dolce, ricco di polpa e di semi.

SHARE