SHARE

I carabinieri di Cattolica Eraclea, guidati dal maresciallo Liborio Riggi, hanno arrestato Andrea Castellino, 26 anni, di Cattolica Eraclea che ha aggredito e minacciato con un coltello (e non accoltellato come scritto in precedenza) un operaio di Girgenti Acque e incendiato l’auto di servizio dell’azienda che gestisce il servizio idrico nell’Agrigentino. L’operaio di 38 anni – secondo la ricostruzione dei militari dell’Arma dei carabinieri – è stato incontrato forse per caso (o seguito, ancora da verificare) nel centro urbano di Cattolica Eraclea dal giovane che lo avrebbe fermato per chiedergli contoe sul fatto che, nei giorni scorsi, fossero stati collocati i sigilli sul contatore idrico della sua abitazione. L’operaio è stato minacciato con un bastone e un coltello. Temendo di essere accoltellato, l’impiegato di Girgenti Acque è scappato. Castellino avrebbe, a questo punto, preso una bottiglia di benzina, avrebbe cosparso l’abitacolo della Fiat Seicento, che aveva l’impianto a gas, e l’ha incendiata. L’operaio, sotto choc, inizialmente non riusciva a chiarire quanto accaduto. Solo quando si è ripreso ha ricostruito i fatti ai carabinieri. I militari quando hanno bloccato il ventiseienne di Cattolica Eraclea hanno subito accertato che aveva ustioni su entrambe le mani. L’indagato è agli arresti domiciliari.

SHARE