SHARE

“Quella mattina il bambino io non l’ho accompagnato a scuola”. Lo avrebbe detto Veronica Panarello al marito, Davide Stival, ammettendo che il figlio, Loris di 8 anni, sarebbe salito a casa da solo, ma ribadendo: “non l’ho ammazzato io”. Il colloquio, ricostruito oggi dal quotidiano La Sicilia, sarebbe avvenuto quattro giorni fa nel carcere di contraada Petrusa Agrigento, dove la donna è detenuta con le accuse di omicidio volontario aggravato e occultamento di cadavere aggravati dal rapporto di parentela. “Ho un buco, mi ricordo solo questo – aggiunge – non ti basta? Ora stammi vicino…”.

SHARE