SHARE
Matteo Mangiacavalo (M5s)

E’ una strada che deve percorrere quotidianamente per recarsi all’ARS e in una nuova interrogazione ne descrive, punto per punto, tutte le criticità. Il deputato regionale del M5S Matteo Mangiacavallo torna ad occuparsi ancora una volta della SS624 Palermo-Sciacca, per la quale aveva già richiesto un’accelerazione dei lavori che riguardavano la sostituzione delle barriere laterali, un aumento dei sistemi di sicurezza, la rimozione delle discariche a cielo aperto presenti su diverse piazzole di sosta e il potenziamento delle reti telefoniche già presenti sull’intero tratto.

“E’ una strada che, ormai, conosco molto bene – dichiara Mangiacavallo – e per la quale abbiamo già chiesto di tutto. Nelle ultime settimane ho notato con piacere che alcune discariche a cielo aperto presenti lungo la carreggiata, nel tratto tra Palermo e Camporeale, stanno lentamente per essere bonificate. Sono piccoli passi avanti ma ne servono tanti altri per rendere decente questo importante asse viario”.

“Sulla Palermo-Sciacca – conclude il deputato saccense del M5S – esistono diversi punti critici a cui bisogna prestare la massima attenzione. Li abbiamo elencati in un nuovo atto parlamentare e speriamo che governo e ANAS facciano presto a rimediare; nel frattempo invito tutti a percorrerli con la massima prudenza. E’ una strada sulla quale incidenti e morti non si contano più”.