SHARE

“Era in piedi, con il busto reclinato in avanti e la mani poggiate sul petto, ho pensato che avesse difficoltà a respirare per avere ingerito qualcosa che gli era andato di traverso”. Così Veronica Panarello ricostruisce ai magistrati della Procura di Ragusa, secondo quanto riferisce l’Ansa, la scena del drammatico “incidente” che, secondo la sua avversione, avrebbe causato la morte di suo figlio Loris. Lei, fa mettere a verbale il 13 novembre scorso, tenta di soccorrerlo “battendogli gli schiena” e anche “cercando di mettergli una mano in bocca”, ma “era serrata” e non riusciva ad aprirla.

Quando il bambino, “violaceo in viso”, “si accascia in posizione supina”, Veronica Panarello, dice, ha “potuto notare che il collo era cinto da una fascetta, le stesse che aveva ai polsi” e che si era messo per giocare “la sera prima”. Tenta quindi disperatamente di togliere la fascetta, di strapparla “anche con le unghie”, senza riuscirci. Per questo la taglia con “la forbice arancione”. “Ho poggiato la mia guancia sulla sua bocca – aggiunge la mamma presunta infanticida – per potere udire il suo respiro, ma non sentivo nulla”. Il primo istinto, sostiene davanti ai Pm, è stato quello di chiamare aiuto con il cellulare, ma, “mi sono bloccata – spiega Veronica – e ho pensato che non avrei saputo come giustificare quanto accaduto”.

Quindi la decisione di portare via il corpicino di Loris caricandolo sulla sua auto. “Mi sono diretta verso Punta Secca – sostiene la donna – non sapendo ancora dove andare, combattuta tra chiedere soccorso e il dubbio su come avrei potuto giustificare l’accaduto”. Poi l’arrivo a Mulino Vecchio dove lascia il cadavere del figlio per tornare a casa, recuperare indumenti e zaino del figlio, buttati via mentre va al corso di cucina, dove tutto diventa “un brutto sogno che avevo fatto”.

SHARE