SHARE

Un anno fa il corpo di Loris Stival veniva trovato nel canalone. Oggi la sua scuola lo ha ricordato con una canzone a lui dedicata, dal titolo “Ricordo”, scritta e musicata dalla preside, Giovanna Campo. Nel plesso “Falcone Borsellino”, frequentato da Loris, si e’ svolta una breve cerimonia: una targa e’ stata affissa davanti all’ingresso della classe in ricordo del bambino trovato morto alle 17 di un anno fa nel canalone di contrada Grotte, nei pressi del Mulino vecchio, a due chilometri da Santa Croce Camerina. Sulla targa c’e’ scritto: “Il nostro pensiero vola a te, al tuo dolce sorriso. Il vivo Ricordo, se non cancella il dolore, ci consente di pensarti ne’ spento ne’ lontano, ma vicino a noi, al sicuro nei nostri cuori dove continui a giocare e a sorridere. Per sempre!”. Alla cerimonia hanno preso parte il prefetto Annunziato Varde’, il questore Giuseppe Gammino, il comandante provinciale dei carabinieri, tenente colonnello Sigismondo Fragassi, il sindaco di Santa Croce Camerina Franca Iurato e di Vittoria Giuseppe Nicosia. In prima fila il papa’ di Loris, Davide Stival, insieme ad alcuni familiari e all’avvocato Daniele Scrofani. Un coro della scuola, formato da un gruppo di alunni, docenti e genitori ha eseguito la canzone “Ricordo”. Poi i bambini hanno ricordato Loris con alcune frasi scritte da loro.

“Prima di organizzare questa manifestazione commemorativa – ha spiegato la dirigente scolastica – ho voluto informare il padre di Loris. Senza il suo permesso non mi sarei sentita di portarla avanti. Lui invece ha gradito molto l’idea di ricordare il suo piccolo con un canto. La sua presenza questa mattina mi ha riempito il cuore di gioia perche’ vuol dire che ha creduto nel nostro voler ricordare, con amore, il suo bambino”. Dopo la cerimonia, i bambini, partendo dalla scuola, con in mano una rosa bianca, si sono diretti in fila verso la Chiesa, accompagnati dai docenti e dai genitori. La messa e’ stata celebrata dal parroco, don Angelo Strada. Ieri i bambini della classe di Loris, che oggi frequentano la quarta elementare, si erano recati al cimitero per deporre un fiore sulla tomba del loro compagno. Per l’omicidio di Loris si trova in carcere la mamma, Veronica Panarello, arrestata il 9 dicembre 2014, dieci giorni dopo il delitto. (ANSA)

SHARE