SHARE

Far conoscere e valorizzare il territorio della Sicilia sud-occidentale puntando sulle eccellenze artistiche, culturali e gastronomiche di un’area che attraversa la valle del Belice e si estende lungo l’antica rotta dei Fenici, sulla costa che va da Selinunte e Siculiana, rafforzando anche i legami tra i Paesi del Mediterraneo. E’ l’obiettivo del Distretto turistico “Selinunte, Belice e Sciacca Terme”, previsto dal progetto approvato dall’assessorato Turismo della Regione Siciliana. Capofila è il comune di Castelvetrano (Tp) amministrato dal sindaco Felice Errante, presidente del distretto: “Abbiamo ricevuto 900mila euro – dice in una nota – da fondi Po- Fesr per finanziare interventi e azioni di promozioni del territorio che le scarse risorse dei comuni non avrebbero mai consentito. Tra le varie iniziative stiamo investendo sulla formazione dei pescatori, organizzando battute di pesca-turismo che consentano di destagionalizzare l’offerta del territorio, in modo da affiancarla a quella archeologica, turistico-balneare ed enogastronomica”. La campagna di promozione avviata prevede quattro macro-azioni: orientamento, comunicazione e promozione, marketing operativo e innovazione metodologica. Una sfida per un territorio ricco di aree archeologiche e rurali, di tracce delle civiltà  fenicie, greche, arabo-normanne e spagnole, al punto da coinvolgere oltre 40 aziende private e 18 comuni a cavallo delle province di Trapani e Agrigento, e cioè Vita, Santa Ninfa, Partanna, Salaparuta, Poggioreale, Castelvetrano-Selinunte, Menfi, Montevago, Santa Margherita Beli’ce, Sambuca di Sicilia, Giuliana, Sciacca, Caltabellotta, Ribera, Cattolica Eraclea, Calamonaci, Montallegro e Siculiana. Tra i compiti del distretto, monitorare l’offerta pubblica e privata dei territori, capire quali sono i margini di occupazione e quali servizi occorrono per comporre il know-how necessario per arrivare a un prodotto turistico che punta soprattutto a un target internazionale. Tra le iniziative, anche la partecipazione a fiere di settore, quale la borsa dell’offerta rurale Agri&Tour di Arezzo dal 13 novembre, e l’ ITB di Berlino a Marzo 2016. Dai primi di dicembre si terranno anche dei workshop tematici specialistici su temi del turismo, oltre a quelli in corso e destinati a giornalisti italiani, stranieri e blogger. Previsti anche cinque educational tour per oltre 60 tour operatori italiani e stranieri, campagne di comunicazione e sette workshop in diverse capitali europee (Amsterdam, Stoccolma, Zurigo, Vienna, Madrid in occasione del Fitur, Berlino e Monaco) per incontrare direttamente centinaia di tour operator e presentare i punti di forza del territorio e la rete tra i comuni, le imprese e i servizi.

SHARE