SHARE

“Un altro colpo al cuore di Cosa nostra. Ai suoi interessi. Ai suoi capi. Questo l’obiettivo raggiunto dai nostri uomini della Polizia, coordinati dalla magistratura, che con l’operazione denominata ‘Icaro’ hanno decapitato le famiglie mafiose di Agrigento e di Porto Empedocle e hanno stroncato i loro interessi”. Lo afferma il ministro dell’Interno Angelino Alfano. “La Sicilia – continua – è da tempo impegnata nel suo riscatto e le istituzioni sono a fianco della gente onesta che e’ tantissima e che, grazie ai successi della Squadra-Stato, si sente garantita e avverte ogni giorno la presenza dello Stato”.

Così, invece, commenta l’operazione Gianni Sammarco, deputato del Gruppo Area Popolare. “Oggi ancora una volta lo Stato trionfa contro la Mafia. Con l’operazione denominata Icaro che ha portato ai 13 arresti di oggi, con cui sono state decapitate le famiglie mafiose di Agrigento e Porto Empedocle, è stato fatto un ulteriore passo in avanti per smantellare i clan affiliati a Cosa Nostra. È stato spezzato il vincolo tra la mafia palermitana e quella di Agrigento. Tutto questo grazie all’ottimo lavoro delle nostre forze dell’ordine, della magistratura e grazie al contributo del ministro Alfano che da anni porta avanti una battaglia contro la malavita organizzata. È una vittoria non dello Stato, della Sicilia e di tutte le persone oneste”.

“Un plauso alle Forze dell’Ordine che questa mattina hanno messo a segno ad Agrigento un’importante operazione antimafia, che contribuira’ ad indebolire in maniera pesante quella rete di collegamenti e connivenze tra i clan di Palermo ed Agrigento. E’ un successo significativo che conferma ancora una volta quanto tenace e forte sia la lotta alla mafia ingaggiata dallo Stato in Sicilia, ma soprattutto e’ un segnale a tutti i siciliani che la mafia non vincera’. Contrastarla, pero’, significa anche liberare la nostra terra da un sistema delinquenziale e corruttivo che rappresenta uno dei primi freni allo sviluppo ed alla crescita”. Lo dichiara il presidente della Commissione Ambiente del Senato Giuseppe Marinello. “Insieme ai finanziamenti, alle risorse stanziate ed ai progetti di rilancio del territorio un ulteriore passo fondamentale per far crescere la nostra Sicilia e’ il contrasto deciso alla mafia e l’operazione di oggi conferma che siamo sulla strada giusta – continua. Spetta al governo, che sta facendo tanto, fare di piu’ attraverso un piano organico ed organizzato, strategico-infrastrutturale, che sia capace di rilanciare la crescita e lo sviluppo della Sicilia”.