SHARE

“Mala tempora currunt. A Bivona è stato nominato il commissario visto che ancora oggi non è stato approvato il bilancio di previsione, importantissimo in ogni amministrazione pubblica, serve a prevedere le entrate e le uscite di un Comune. La logica vuole, infatti, che prima di spendere i soldi occorra un minimo di organizzazione della spesa. In un Comune dove gli stipendi dei dipendenti comunali sono in ritardo, il bando della refezione scolastica è stato pubblicato in ritardo e gli interventi della viabilità rurale sono pari a zero risulta inammissibile tale mancanza di progettualità”. Lo scrive in una nota Filippo Perconti, in rappresentanza dell’associazione Strada Statale 118, facendo riferimento al decreto con cui l’assessorato regionale per le Autonomie locali ha inviato i commissari in 256 Comuni siciliani che devono ancora approvare i bilanci di previsione.

SHARE