SHARE

Sopralluogo congiunto, questa mattina, tra Libero Consorzio, Ente Parco Archeologico e Protezione Civile del Comune di Agrigento sulla SP n. 4 (Panoramica Valle dei Templi) per valutare la situazione conseguente al crollo di un masso dal costone soprastante la stessa strada. Il masso, facente parte di un’antica frana, si è staccato da un grosso blocco di calcarenite posto a circa 500 metri dall’ingresso della zona dei Templi (lato Giunone), non ha interessato la collina sulla quale sorge il tempio di Giunone e si è fermato su uno spiazzo ai margini della sede stradale senza danneggiarla né provocare danni ad altre strutture.
Al sopralluogo hanno preso parte per il Libero Consorzio l’ing. Michelangelo Di Carlo, responsabile della Viabilità provinciale sezione Est, e il geologo dr. Roberto Bonfiglio, mentre per l’Ente Parco erano presenti l’arch. è emersa la necessità di effettuare un’imemdiata pulizia delle zone adiacenti ai blocchi di arenaria che potrebbero dare luogo ad altri distacchi, in modo da individuare e pianificare gli interventi che l’Ente Parco dovrà realizzare. Solo dopo la corretta valutazione della situazione si potranno stabilire i tempi di riapertura della SP 4, che pertanto, come da ordinanza urgente del direttore del Settore Infrastrutture Stradali, a tutela della pubblcia incolumità rimane chiusa a tempo indeterminato.

SHARE