SHARE

“L’acqua non ha colore politico e proprio per questo in modo unitario, deve continuare ad essere la mobilitazione delle forze politiche locali sia di centro destra che di centro sinistra su questo argomento ,in considerazione del fatto che dopo la vittoria elettorale al referendum abrogativo resiste ancora un sistema che fa prevalere gli interessi del capitale privato (Girgenti Acque) in un servizio che deve essere rigorosamente e assolutamente pubblico”. A sostenerlo in una nota è il coordinatore cittadino del Movimento civico “Ama la tua Città” di Raffadali, Nino Randisi, per il quale adesso “la Regione siciliana dovrà dare risposte certe e concrete alle legittime richieste dei nostri cittadini, stanchi ormai di essere vessati da pesanti ed inique tariffe che alimentano soltanto le casse della società che gestisce il servizio idrico”.

SHARE