SHARE

“Tanti auguri di buon 2016 by Matteo Messina Denaro”: una pagina Facebook – Matteo Messina Denaro “L’ultimo Padrino di Cosa Nostra” – inneggia al superlatitante di Castelvetrano. Non è la prima e probabilmente non sarà l’ultima molta. Foto e parole che danno “voce” al boss latitante. Con aggiornamenti in tempo quasi reale su operazioni contro i clan, sulle condizioni di salute di Totò Riina; articoli di stampa, anche su Mafia Capitale e sugli attentati di Parigi, e identikit vecchi e nuovi. In copertina un giovane Messina Denaro e la scritta “Il superlatitante pià pericoloso e ricercato in tutto il mondo. L’ultimo padrino di Cosa nostra”. Ben 1200 i ‘mi piace’. E molti commenti, tra fan che giurano “enorme rispetto” per il “caro padrino”, e nemici giurati: “Topo di fogna e vigliacco, pezzo di m….”, “Troppe persone hai fatto piangere”, “Sei una m…. che cammina”.

Il sindaco di Castelvetrano, Felice Errante, su Facebook: “Sconcerto, indignazione e tristezza nel leggere quale livello di subcultura puo’ ancora serpeggiare nella nostra citta’. Un manipolo di disadattati, non sono secondo me semplici idioti, non puo’ costringere una comunita’ sana a dovere replicare a tali nefandezze. Faccio veramente fatica, prima da cittadino, poi da sindaco a comprendere come si possa inneggiare a un criminale. Ma cosa ancor più grave come si fa ancora a poter ritenere che la mafia sia una risorsa per un territorio che è stato, invero, dalla stessa sempre saccheggiato e mortificato. Confido nelle forze di polizia e nella magistratura inquirente – ha detto il sindaco – perchè possa presto fare luce sull’ennesimo tentativo volto a mortificare quanti quotidianamente si spendono per l’affermazione della cultura della legalita'”.