SHARE

Il pubblico Michele Marrone ha chiesto la condanna di 6 persone tra ex amministratori e dirigenti del Comune di Sciacca, tecnici ed imprenditori, sul banco degli imputati davanti al tribunale saccense per abuso d’ufficio nella vicenda della destinazione a sede scolastica di un immobile di via Brigadiere Nastasi. La pena più alta, un anno e 10 mesi, è stata chiesta per l’ex assessore alla Pubblica istruzione Gianfranco Vecchio, un anno e 6 mesi per il dirigente dei Lavori pubblici Aldo Misuraca, un anno per il dirigente Giuseppe Liotta; un anno e 4 mesi per gli imprenditori Domenico e Biagio Russo, un anno e 5 mesi per il tecnico di fiducia dei Russo: Massimiliano Trapani. Secondo l’accusa, il locale, di proprietà dei fratelli Russo, nel quale era prevista la sistemazione di alcune aule scolastiche, era privo del cambio di destinazione d’uso e del parere igienico-sanitario e dunque non era idoneo allo svolgimento dell’attività scolastica.

SHARE