SHARE

“La cultura è importante perché ti rende libero da tutti i sistemi mafiosi che ci sono nel mondo. Con questo spirito, in Tanzania, alle iniziative per l’assistenza sanitaria affianchiamo progetti per l’istruzione e la formazione dei giovani. La nostra gioia più grande è vedere i ragazzi e le ragazze che sosteniamo concludere un percorso di studi, trovare un lavoro e aiutare le loro famiglie a vivere dignitosamente”. Lo ha detto Margherita La Rocca, deputata all’Ars e volontaria dell’associazione onlus “A Cuore Aperto”, raccontando dell’esperienza in Africa all’Interclub dei Rotary di Roma, Appia Antica e Tevere.

ruvololarocca“Io penso che noi abbiamo il dovere, almeno chi ha un minimo di possibilità, di lottare per la libertà delle persone, affinché il popolo non sia schiavo”, ha aggiunto il cardiochirurgo Giovanni Ruvolo, presidente di “A Cuore Aperto”. “L’uomo è libero – ha sottolineato – quando ha la cultura, la salute, il lavoro. Noi abbiamo il dovere di guardarci attorno e vedere come poter contribuire a dare in questo senso una mano d’aiuto a chi ne ha più bisogno, lo possiamo fare qua e lo possiamo fare in Africa”. A raccontare dell’importanza della propria esperienza africana a Ipogolo, sia dal punto di vista umano che professionale, anche il cardiologo Paride Giannantoni. Dai Rotary della Capitale, come viene spiegato sulla pagina Facebook A Cuore Aperto Associazione Onlus, è arrivato all’associazione onlus “A Cuore Aperto” l’invito a collaborare a un nuovo progetto contro la malaria in Uganda dopo il successo dei progetti per l’assistenza sanitaria e la formazione portanti avanti in undici anni di “missioni” in Tanzania.