SHARE

Straordinario ritrovamento lungo la spiaggia di Siculiana marina, stamane si è spiaggiata la carcassa di un raro esemplare di squalo capopiatto (Hexanchus griseus).
Si tratta di uno degli squali che vivono nel mediterraneo e che è abbastanza raro incrociare, si legge sul sito www.wwftorresalsa.com. Il capopiatto infatti è uno squalo che vive fino ai 2.500 metri di profondità. E’ diffuso in numerosi mari tra i quali il mediterraneo ed è considerato un grande migratore.
Lo squalo capopiatto (Hexanchus griseus) appartiene – si legge su Wivipedia – al genere Hexanchus ed è il più grande squalo della famiglia Hexanchidae, in quanto può raggiungere i 5.4 metri. Molti dei membri di questa famiglia sono oggi estinti, mentre gli squali oggi esistenti più vicini geneticamente allo squalo capopiatto sono gli Scyliorhinidae, gli Squalidae, i Dalatiidae ed il Somniosus microcephalus, nonché le altre specie con 6 e 7 fessure branchiali. Si possono comunque trovare molte più specie somiglianti a questa tra i fossili che tra le specie viventi. Alcuni di queste specie estinte risalgono a 200milioni di anni fa, e l’Hexanchus griseus ha caratteristiche peculiari sia primitive che tipiche di squali più moderni.

SHARE