SHARE

“137.000 euro destinati all’evento 71° Sagra del Mandorlo in Fiore per l’adozione degli atti di affidamento e gestionali indispensabili per lo svolgimento dell’evento. Riporto testualmente quanto descritto dalla determina dirigenziale n. 215 del 04 febbraio 2016”.

Inizia così la nota stampa del Capogruppo del PDR (Sicilia Futura) Nuccia Palermo che entra nel merito di quanto si stia verificando in questi giorni relativamente all’evento Mandorlo in Fiore.

“E sempre nella determina su citata vengono distinti dall’importo complessivo, 54.841,44 euro per la realizzazione di un villaggio costituito da una serie di tensostrutture – continua il Capogruppo Palermo – ovvero, per il famoso Palatenda che sorge in piazza Vittorio Emanuele”.

“Fin qui poco da eccepire, se vogliamo sorvolare sul taglio dato ai servizi per il cittadino e sul tanto citato e promesso, dal nostro Sindaco Firetto, periodo di lacrime e sangue che molto cozza con l’importante spesa per il Mandorlo”.

“Oggi, però – sottolinea Palermo – chiediamo come sia possibile che a fronte di una spesa così rilevante che potrebbe essere giustificata soltanto da un ritorno economico e d’immagine per la città ci si ritrovi a non poter usufruire della costosa struttura per motivazioni di inagibilità. Sembrerebbe infatti mancare in materia di sicurezza antincendio”.

“Abbiamo dunque la necessità di capire come spendiamo i soldi del contribuente e soprattutto su come vengono programmati, eseguiti e controllati i lavori relativamente a qualsiasi evento che veda protagonista la nostra città. A maggior ragione l’evento agrigentino per eccellenza, Il Mandorlo in Fiore!”

“Per capire un po’ di più – insiste il Capogruppo Palermo – e per verificare se il cittadino sia messo nelle condizioni di poter seguire con facilità i lavori dell’amministrazione e del consiglio tutto abbiamo dato un’occhiata al sito del Comune di Agrigento. Altra nota dolente della quale chiederemo spiegazioni in via ufficiale. Riscontriamo, nella sezione trasparenza del sito, determina n. 266 del 11 febbraio c.a. relativa all’acquisto di materiale incombustibile che ci porta a collegare tale determina alle problematiche del palatenda. Ebbene, l’atto il cui file non è apribile, non risulta sull’albo pretorio ma solo sulla sezione amministrazione trasparente”.

“Chiediamo dunque, al primo cittadino Firetto – conclude il Capogruppo del PDR Nuccia Palermo – di rendere dotto il consiglio e la cittadinanza tutta su come si portino avanti iniziative di tale rilievo mediatico ed economico e soprattutto di capire di chi sia la responsabilità dell’incresciosa vicenda”.