SHARE

“Voglio dedicare questo film agli abitanti di Lampedusa, che sono sempre stati estremamente aperti ad accettare la gente che arriva”. Lo ha dichiarato il regista Gianfranco Rosi, ricevendo l’Orso d’oro al Festival internazionale del cinema di Berlino per il suo film ‘Fuocoammare’. Il documentario racconta, attraverso gli occhi del bambino Samuele, la vita quotidiana sulla piccola isola dove si dirigono i barconi dei migranti che tentano di raggiungere le coste europee attraverso il mar Mediterraneo. Rosi ha sottolineato che il flusso di rifugiati che ora fa notizia e occupa le prime pagine dei giornali riguarda l’isola da circa 30 anni.

SHARE