SHARE

E’ quasi un miracolo se il vento che da ieri imperversava sull’intero territorio agrigentino, e soprattutto sulla fascia costiera, non ha provocato danni gravi o feriti. I vigili del fuoco sono stati impegnati, in tutta la provincia, ed hanno eseguito oltre trenta interventi, correndo da una città all’altra per rimuovere alberi dalla sede stradale, liberare le arterie principali dalle grondaie e dalle insegne dei negozi letteralmente sradicate e finite sull’asfalto.

Mare in tempesta a causa del vento e danni a San Leone, dove le onde hanno letteralmente «divorato» le spiagge, mettendo a rischio sia i chioschi in legno, sia il Viale delle Dune. In quest’ultimo caso il mare era talmente mosso che è arrivato persino sotto la strada. I vigili del fuoco, avvertiti dai residenti della zona i quali temevano che il mare potesse addirittura entrargli in casa, si sono precipitati sul posto ed hanno eseguito un sopralluogo. La situazione è stata monitorata per tutta la giornata di ieri.

Intanto, a Cattolica Eraclea, ieri mattina, dalla canonica della chiesa Madre sono crollati calcinacci e tegole proprio mentre un abitante del posto, che per fortuna non è stato colpita, stava parcheggiando l’auto.

SHARE