SHARE

La partenza è di quelle che fanno pensare al record. Avviato ufficialmente il 18 gennaio scorso, il progetto “Siculiana Ricicla!” è giunto al primo report ufficiale. I dati sono molto chiari: il materiale assicurato al riciclo è pari al 61,3%, la rimanente frazione 38,7% è stata conferita in discarica.

Nel dettaglio – viene spiegato in una nota – sono state recuperate 40,5 tonnellate di umido (31,4%), 7 tonnellate tra plastica e metalli (5,4%), 13,1 tonnellate di carta (10,2%), 4,2 tonnellate di cartone (3,3%), 10,2 tonnellate di vetro (7,9%) e 3,5 tonnellate di ingombranti (3,1%).

Il dato di partenza era inferiore al 5% di riciclo. Ma come è stato possibile raggiungere questo risultato in così poco tempo? Lo spiega, non senza una certa emozione, il vicesindaco con delega all’Ambiente Enzo Zambito: “Sono estremamente soddisfatto di questo eccellente risultato. Per diversi mesi, con il responsabile dell’ufficio ambiente e con il supporto dell’ufficio tecnico, abbiamo lavorato con entusiasmo ed impegno per creare tutte le condizioni necessarie a raggiungere entro il 2016 il 65% di raccolta differenziata. L’impegno dei siculianesi è andato ben oltre le più rosee aspettative, sfiorando da subito la meta. In tutto questo leggo la voglia e la sensibilità di una comunità che vuole fare proprio un nuovo concetto di gestione del rifiuto. Questo risultato rappresenta il grido di chi in maniera chiara ed inequivocabile accoglie con gioia la raccolta differenziata e dice no all’indifferenziato e al sistema delle discariche.
A nome mio e dell’intera Amministrazione comunale ringrazio la Ecoface, per il sostegno nelle fasi di start-up e per la campagna di comunicazione ed educazione e la ditta Iseda, soffermandomi in particolare sugli operatori ecologici e sul personale del centro comunale di raccolta.
Naturalmente rivolgo un caloroso e sentito grazie ai cittadini e ai titolari di attività, che sono i veri protagonisti di questa nuovo percorso di civiltà. E’ grazie a loro se stiamo scongiurando l’ulteriore aumento di costo previsto dalla recente finanziaria regionale,puntando anzi a ottenere i benefici che la stessa legge destina ai Comuni virtuosi.
Con la franchezza che ci contraddistingue, dobbiamo prendere atto che oltre il 35% dei nostri rifiuti, per colpa di qualche nostro concittadino poco sensibile, vanno ancora in discarica. Mi auguro che nelle prossime settimane, anche i pochi rimasti indietro vengano contagiati da questa ondata di senso civico che stiamo registrando a Siculiana”.

Continuano dunque a moltiplicarsi, nonostante il poco ottimismo generale, gli esempi di successo in Sicilia. Ci sono già molte realtà, non solo piccole, che hanno raggiunto traguardi ben superiori alla soglia imposta dalla legge del 65%.
E’ proprio studiando gli esempi migliori che si individuano tutti i fattori determinanti per il successo di un piano efficiente per la raccolta differenziata. E alcuni tra i fattori imprescindibili sono, secondo il team di Ecoface Lab, la volontà e l’impegno dell’amministrazione e la capacità di creare un network produttivo con tutti gli attori coinvolti, mettendo in primo piano il dialogo con i cittadini. Da questo punto di vista non può che essere sottolineato il successo della pagina Facebook “Siculiana Ricicla”, un vero e proprio spazio aperto in cui scambiare liberamente le informazioni.

“A tutt’oggi – spiega il sindaco Leonardo Lauricella – si registrano risultati più che soddisfacenti, ciò vuol dire che la cittadinanza, o almeno la maggior parte di essa, ha compreso che un’efficiente raccolta differenziata dei rifiuti è un atto di civiltà e di rispetto dell’ambiente; senza sottacere la circostanza che il raggiungimento della percentuale del 65% comporterà benefici economici e quindi una riduzione della tassa per la cittadinanza.
Pertanto, desidero ringraziare tutti i cittadini che, con grande senso di responsabilità, stanno contribuendo al buon esito del progetto, riservandomi di poterlo fare, spero in un prossimo futuro, anche nei confronti di chi, allo stato, non effettua nella giusta maniera la raccolta dei rifiuti.
Desidero, anche, ringraziare gli uffici comunali che si occupano della materia, gli operatori ecologici e la polizia municipale, senza i quali non avremmo raggiunto questo risultato.
Non va sottaciuta la professionalità e la competenza dimostrata dalla Ecoface, che ha dato vita ad un’attenta campagna di formazione, sensibilizzazione ed informazione, riguardo alle giuste modalità di selezione dei rifiuti ed ai benefici che la raccolta differenziata assicura soprattutto per l’ambiente.
Un doveroso e sentito ringraziamento va all’assessore, Enzo Zambito, con delega all’Ambiente, che con tenacia e convinzione ha creduto, sin dall’inizio, alla necessità di realizzare un efficiente servizio di raccolta differenziata “porta a porta”.
“Manca poco – conclude Zambito – ancora un piccolo sforzo e tutti insieme potremo arrivare e superare il 65%. Per non vanificare l’ottimo lavoro fatto dai siculianesi, per reprimere abitudini negative e il mancato rispetto dell’ordinanza sindacale, nelle prossime settimane saranno intensificate le attività di monitoraggio e controllo da parte dell’ufficio Ambiente, attività svolte congiuntamente alla ditta Iseda e alla Polizia municipale. I controlli hanno già nel primo mese portato all’apertura ed ispezione dei rifiuti conferiti dalle utenze domestiche e commerciali, con la foto-segnalazione e ripresa video dell’abbandono di rifiuti nel territorio, consentendo di diffidare e sanzionare chi non rispetta le regole”.

Foto, video e ulteriori informazioni sulla pagina Facebook “Siculiana Ricicla”.

SHARE