SHARE

Questa mattina una delegazione del Partito Democratico, guidata dal segretario provinciale Peppe Zambito, ha incontrato il prefetto di Agrigento Nicola Diomede per discutere della delicata situazione della città di Porto Empedocle che, nelle ultime settimane, si è aggravata sul versante igienico – sanitario.

“Il PD – si legge in una nota – ha espresso tutta la propria preoccupazione per il perdurare di questa situazione che si è aggiunta alle recenti proteste dei dipendenti comunali.
La delegazione ha riscontrato il totale impegno di S.E. il Prefetto e dei suoi uffici affinché si potessero trovare soluzioni immediate alla crisi anche attraverso il coinvolgimento di tutti i soggetti interessati e con uno sforzo straordinario tale da consentire di superare, seppur momentaneamente, l’emergenza rifiuti.

La delegazione del Partito Democratico ha assicurato il Prefetto del proprio impegno a sollecitare l’amministrazione regionale ad intervenire con maggior vigore e presenza di fronte a questa situazione, possibilità oggettivamente realizzabile anche a seguito della recente approvazione della finanziaria regionale 2016 che ha sbloccato una serie di risorse per i comuni e finalizzati a garantire i servizi indispensabili ed urgenti.

Inoltre, il PD ha posto l’attenzione sui temi sollevati dalla lettera dei Parroci di Porto Empedocle, dalle sollecitazioni fatte per la grave situazione socio economica che si è venuta a creare, per l’abbandono delle periferie sempre più distanti e senza alcun intervento utile a recuperare un “tenore di vita sociale decente e dignitoso’‘.
Per superare dette emergenze e difficoltà sarà necessario un impegno straordinario di tutti a partire da una maggiore presenza delle Istituzioni e del Commissario straordinario, dall’indispensabile chiarezza sulla situazione finanziaria del Comune, da un forte coinvolgimento delle forze politiche e sociali.
Nel ringraziare S.E. il Prefetto per il lavoro che sta svolgendo è stato concordato un appuntamento, alla presenza della deputazione nazionale e regionale, per fare il punto sulla crisi empedoclina”.

SHARE