SHARE

Dopo una maratona lunga dieci giorni, l’Ars ha approvato la manovra finanziaria, con 49 voti a favore, 21 contrari e tre astenuti. Il bilancio della Regione quest’anno ammonta a circa 22 miliardi, la finanziaria taglia 400 milioni e congela 500 milioni di spesa, che sara’ svincolata con la definizione della trattativa in corso con lo Stato in materia di entrate fiscali. Per la prima volta, l’Ars ha evitato di votare le norme in sedute notturne, impegno che aveva preso e ha mantenuto il presidente dell’Ars, Giovanni Ardizzone, che ha condotto i lavori senza cedere a pressioni pur legittime di alcuni deputati. Cosi’ come ha mantenuto la linea sull’ex tabella h, i contributi diretti a enti e associazioni, che e’ stata cancellata grazie anche al M5s che si e’ battuto per la soppressione, e con i finanziamenti, 12,3 mln che saranno messi a bando. Ardizzone ha dovuto governare l’aula in un clima diventato ostile proprio quando sono state discusse le norme sui contributi, non arretrando nemmeno difronte ai tentativi dell’ultima ora, anche da parte del governo, di proporre emendamenti che non erano passati al vaglio delle commissioni di merito e che sono stati stralciati o non ammessi. (ANSA)

SHARE