SHARE

Agrigento e la Sicilia guardano al mercato della Cina per lo sviluppo turistico. Una delegazione cinese in tour in Sicilia per una missione di incoming ha fatto tappa oggi ad Agrigento. Ad accogliere i rappresentanti del Cpaffc, l’Associazione per l’Amicizia del Popolo Cinese, erano il sindaco Calogero Firetto, presidente del Distretto Turistico Valle dei Templi, l’amministratore e il direttore del Distretto, Gaetano Pendolino ed Enzo Camilleri, nonché il commissario e il direttore del Parco archeologico, Bernardo Campo e Giuseppe Parello. Scopo del tour in Sicilia è attivare scambi e relazioni commerciali e turistiche tra le imprese siciliane e i mercati internazionali. L’iniziativa è organizzata dalla Confederazione Italiana delle Federazione Autonome, insieme ad EAP Fedarcom Regione Sicilia, ente che eroga formazione continua. I delegati cinesi fanno parte di una delle principali organizzazioni estere cinesi, fondata dal Governo per promuovere relazioni amichevoli con i Paesi occidentali. Tra i presenti all’incontro, Shen Xin, vice direttore generale del Cpaffc, Yang Yingzi, dello staff del Dipartimento europeo dell’associazione, Andrea Cafà, presidente Cifa, Liu Hui Yuan, general manager di Cits (China International Travel Service), la principale agenzia turistica statale, Xiaolei Yu, quality manager della Beijing Capital Airport Tourism, e Mao Jingxian, produttore di CCTV, la più grande rete televisiva di Stato della Cina (800 milioni di spettatori), intenzionato a realizzare reportage sulla Sicilia e sulle sue attrattive ed eccellenze. La delegazione in questi giorni sta approfondendo la conoscenza di alcune aree siciliane a forte vocazione turistica. Ad Agrigento è stata organizzata per loro una visita nella Valle dei Templi, che si è conclusa con un pranzo in una delle strutture dell’area. E’ stata offerta pertanto l’opportunità di una verifica dell’idoneità della ricettività dal punto di vista del gradimento del turista asiatico. In particolare, per un’opportuna valutazione, sono stati mostrati pieghevoli in lingua cinese e il portale del Parco nella versione cinese www.parcovalledeitempli.cn . Cogliendo l’interesse e la sensibilità dei delegati, sono state anche fornite informazioni utili sulla certificazione d’eccellenza della Valle dei Templi.

“La presenza di una delegazione cinese – ha commentato il sindaco Lillo Firetto – ci è servita per gettare un ponte con la Cina, oltreché con l’Oriente più in generale, su temi che riguardano lo sviluppo di nuove relazioni e soprattutto per dar corso a flussi di incremento turistico, che costituiscono per noi una variabile strategica. Abbiamo invitato la delegazione a farsi latrice di un invito formale al Governo cinese per avere sin dalla prossima Sagra del Mandorlo in Fiore un gruppo folklorico della Repubblica popolare cinese – ha concluso Firetto – affinché ciò possa costituire un primo tassello di un gemellaggio che sia fruttuoso sul fronte economico e culturale”

Negli ultimi anni il numero dei visitatori cinesi in Italia è aumentato del 23 per cento. La Cina è destinata a diventare il principale “mercato di origine” del turismo mondiale.

SHARE