SHARE

Uno speciale interamente dedicato alle poliziotte nel numero di marzo di Poliziamoderna. La Polizia di Stato è l’istituzione che per prima ha creduto nell’impegno e nel coraggio delle donne, e oggi, a distanza di più di 55 anni, i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Lo speciale raccoglie i dati e le storie raccontate dalle stesse protagoniste. A dare un panorama della situazione delle quote rosa della polizia qualche numero: 15.472 sono oggi le donne che indossano la divisa. Il loro primo ingresso risale al 1960 con la creazione del corpo di polizia femminile e poi, dopo la riforma del i aprile 1981, entrano a far parte della Polizia di Stato. Negli ultimi 10 anni è quintuplicata la presenza (da 50 a 253) nei ruoli dirigenziali e direttivi, mentre in quelli dei funzionari è aumentata del 4,9% (da 813 a 915). Alto anche il livello di scolarizzazione (sono laureate 23 donne su 100) rispetto agli uomini (10 su 100). Donne speciali che non rinunciano ad avere una vita privata: turni e servizi fuori sede non fermano la voglia di metter su famiglia. Non solo dati, ma anche storie di poliziotte di diverse specialità che hanno raccontato a Poliziamoderna la loro esperienza.Completa lo speciale un’intervista esclusiva alla presidente della Camera Laura Boldrini, in occasione del convegno sul tema “La Polizia di Stato con le donne”, che si è tenuto questa mattina alla Camera dei deputati.La Presidente ha risposto a numerose domande non solo sul ruolo delle donne poliziotto, a cui riconosce un grande valore di impegno e di lavoro, ma anche sull’odioso fenomeno della violenza domestica e sul fronte del femminicidio e dello stalking. Nell’intervista si è parlato anche di cyberterrorisrno, per contrastare il quale è stata creata presso la Polizia del Web una taskforce guidata da una donna, e di donne nello sport (100 le atlete che hanno preso parte alle Olimpiadi o ai mondiali con i colori delle Fiamme Oro). Una lunga riflessione è stata dedicata anche all’emergenza immigrazione.

 

SHARE