SHARE

Due fratelli della provincia di Agrigento, Gianluca Li Calzi 40 anni e Giuseppe Li Calzi 36 anni, entrambi volti noti alle forze dell’ordine, sono stati tratti in arresto venerdì scorso dai Carabinieri della Stazione di Scillato con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Erano circa le 17.00 quando una pattuglia della locale Stazione durante un normale posto di controllo nel territorio al confine tra Campofelice di Roccella e Scillato, ha fermato un’Alfa Romeo 156, con a bordo due giovani, che sfrecciava a forte velocità in direzione Catania. Entrambi si mostravano insofferenti e nervosi al controllo, tanto che i militari operanti dopo gli accertamenti di rito decidevano di sottoporli a perquisizione personale e veicolare. Al termine di un controllo del mezzo, precisamente sotto la moquette dell’autovettura, veniva rinvenuto un piccolo involucro di cellophane contenente 15 grammi di eroina.

Per questi motivo entrambi i giovani venivano accompagnati presso gli uffici del Comando Stazione  Carabinieri di Scillato e dichiarati in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Dopo il rito direttissimo e la convalida dei provvedimenti, entrambi venivano rimessi in libertà e applicata la misura dell’obbligo di presentazione alla P.G. nei comuni di residenza.

SHARE