SHARE

Si terrà al Centro Commerciale “Le Vigne” di Castrofilippo (AG) sabato 19 marzo la presentazione del libro “Cuffaro tutta un’altra storia. La verità sul processo al presidente dei siciliani” edito da Bonfirraro e scritto dal giornalista romano Simone Nastasi che si troverà faccia a faccia con l’ex presidente della Regione Siciliana, Totò Cuffaro.

L’appuntamento è alle 17 presso la libreria Mondadori Point, la moderazione è questa volta affidata ad Agata Gueli, dirigente scolastico.

La formula è, dunque, “A tu per tu con Totò Cuffaro” per dibattere sulle rivelazioni custodite nel libro, per commentare e discutere alcuni passaggi tra i più controversi che hanno riguardato il processo all’ex governatore. Tanti sono, infatti, ancora i dubbi che sorgono proprio dalla lettura degli atti processuali, dai quali emergono immediatamente alcuni dei maggiori interrogativi: «Totò Cuffaro è veramente colpevole di aver favorito la mafia? E, soprattutto, qual è la verità sul processo dell’ex presidente della Regione Siciliana?». Il volume muove da questi, indaga tra migliaia di carte dei tre livelli di giudizio e si pone domande a tutto campo, senza pregiudizi, non accontentandosi della sentenza emessa in Cassazione che ha riguardato «il primo condannato della storia politica italiana a scontare in carcere una pena così lunga».

Dopo Niscemi, dal 18 al 20 marzo, il tour si dipanerà rispettivamente a Siracusa, Castrofilippo (AG) e Catania.

Dopo il bagno di folla del mese di gennaio per le prime uscite pubbliche, quando Cuffaro  è ritornato tra suoi fedelissimi, si rinnovano gli incontri in giro per la Sicilia insieme all’autore che ha seguito passo dopo passo le sue vicende giudiziarie. «Di nuovo su quest’isola – dice Nastasi che nell’isola è già conosciuto come autore di successo per il suo libro d’esordio “Il caso Speziale. Cronaca di un errore giudiziario” (Bonfirraro) – questa terra mi riserva incontri sempre indimenticabili. Ringrazio tutti per il calore con cui sono stato ancora una volta accolto e, in particolare, ringrazio il mio editore Bonfirraro, che si caratterizza nel panorama editoriale italiano per il suo coraggio e l’originalità nella scelta delle sue pubblicazioni».

SHARE