SHARE

Si è concluso sabato scorso, con molta partecipazione, il Primo Concorso di Arte Contemporanea “Mandorlo in Fiore 2016”, indetto dall’Amministrazione Comunale di Agrigento, in collaborazione con il Centro Arti Figurative – Laboratorio (CAF Lab) di Agrigento. I premi e gli attestati di partecipazione sono stati consegnanti all’interno del Teatro Pirandello dal sindaco Calogero Firetto, dall’Assessore Beniamino Biondi e dal curatore dell’evento Giovanni Sodano. Una giuria qualificata, presieduta dall’assessore Biondi e composta da Nuccia Quintini, Linda Saporito, Giusy Terrasi, Dario Orphè e Carmelo Capraro ha assegnato il primo premio a Domenico Cocchiara. L’artista ha presentato due lavori che ritraggono i luoghi della Sagra. In particolare in una delle due opere, raffigurante uno scorcio della vitale Via Atenea, dalle cromie dei palazzi memori del tempo, emergono i colori in festa della Kermesse. Secondo premio è stato assegnato a Loredana Zambuto che ha presentato una visione notturna dei templi, sospesi tra cielo e terra. Il terzo premio è andato a Krizia Burgio, che in una materica scomposizione, realizzata attraverso la spatola, ha sapientemente unito all’elemento architettonico quello naturale.

Un premio speciale, viene spiegato in una nota dell’amministrazione comunale, è stato dato a Peppe Butera, artista di grande esperienza e spessore che, grazie alle sue opere, porta la nostra terra in giro per il mondo.

Attestati sono stati consegnati a tutti gli artisti partecipanti, che con le loro disparate tecniche, hanno donato ai numerosi visitatori della mostra il fascino dei luoghi dove la festa prende vita, arricchiti dai mandorli in fiore a dai colori del folklore. Hanno partecipati gli artisti: Peppe Butera, Sergio Criminisi, Loredana Zambuto, Anna Zattolo, Carlos Bonfanti, Domenico Cocchiara, Alessia Contino, Dolores Silveira, Carmelo Casà, Gerlando Meli, Francesca Graceffa, Silvana Vecchio, Antonella Noto, Michele Errore, Krizia Burgio, Dario Miccichè, Claudio Guadagna, Tony Sipione, Graziella Pecoraro.