SHARE

Nell’Arcidiocesi di Agrigento, nel giorno in cui si fa memoria delle vittime di mafia, il 21 marzo, per mantenere viva la memoria delle vittime e per sensibilizzare la comunità cristiana a respingere la cultura e la mentalità mafiosa che è “strada di morte” e antievangelica, ma anche per purificare la memoria e chiedere misericordia, l’arcivescovo di Agrigento, cardinale Francesco Montenegro, ha deciso che coloro che visiteranno il cimitero della propria città o paese potranno usufruire del dono dell’indulgenza nell’Anno santo straordinario della Misericordia.

Per poter usufruire del dono dell’indulgenza le indicazioni sono la confessione sacramentale, la partecipazione alla celebrazione eucaristica, la professione di fede attraverso la recita del Credo, la preghiera per il Santo Padre, il compimento di un’opera di misericordia.

SHARE