SHARE

“Una cosa è certa, la Sovrintendenza di Agrigento ha già chiesto, proprio questa mattina, di posticipare l’audizione richiesta dal Movimento 5 Stelle, dal 5 aprile al 13 dello stesso mese. E’ dell’ultima ora, invece, l’indiscrezione emersa su una testata giornalistica regionale on line: pare che la stessa Sovrintendenza abbia già ritirato l’autorizzazione concessa alla società che dovrebbe realizzare il Resort e la motivazione sarebbe da ricercare nell’approvazione del Piano paesaggistico della provincia di Agrigento; l’approvazione del Piano, ad opera degli uffici della Regione, bloccherebbe, infatti, automaticamente le autorizzazioni concesse”. Così intervengono i deputati all’Ars del Movimento 5 Stelle che avevano presentato diverse richieste di accesso agli atti, un atto ispettivo parlamentare e avanzato la richiesta di audizione. “E’ bastato portare la questione a Palazzo dei Normanni per bloccare tutto?” – chiedono i parlamentari Cinquestelle. “Adesso – concludono – attendiamo ulteriori sviluppi di cronaca e quindi l’audizione del 13 aprile per fare chiarezza sulla vicenda”.

Sulla vicenda si è espresso anche Claudio Lombardo di Mareaamico scrivendo su Facebook: “Colpo di scena la soprintendenza fa un passo indietro”. Ha replicato l’assessore ai Lavori pubblici e all’Edilizia privata del comune di Siculiana Paolo Iacono. “La soprintendenza non ha ritirato un bel niente, ha solo richiesto alcuni chiarimenti”.

Così la pensa sulla questione Daniele Gucciardo di Legambiente Agrigento:”Il resort si trova nell’area verde, livello di tutela intermedio (21c) e la soprintendenza ha confermato la validità del Nulla osta che permette la realizzazione del progetto. La riserva e il sic si trovano nel livello di tutela massimo (21 i) dove non è consentito modificare i caratteri paesaggistici”.

Intanto, la Adler conferma: il progetto è in regola e rispetta l’ambiente, è un investimento da 45 milioni che darà 140 posti di lavoro a regime e 200 lavoratori saranno chiamati per due anni, il tempo di costruzione dell’opera.

SHARE