SHARE

I punti nascita degli ospedali di Agrigento, Licata, Sciacca e Canicattì stanno per essere forniti di nuova dotazione diagnostica e strumentale. Il settore Provveditorato dell’Azienda sanitaria provinciale di Agrigento ha infatti indetto le procedure di gara per la fornitura di apparecchiature sanitarie specifiche e di ultima generazione quali ecotomografi, cardiotocografi e lampade scialitiche. Il provvedimento deriva dall’intenzione della Direzione strategica Asp di potenziare le azioni del Dipartimento materno-infantile aziendale e di soddisfare le recenti disposizioni dell’Assessorato regionale alla salute in merito all’adeguamento dei punti nascita in provincia.
Su questa scia si inserisce anche la parametrizzazione della dotazione organica, sia per le figure di dirigenza medica che del comparto, ai decreti regionali di riferimento della rete materno-infantile e ciò non solo del reparto di ostetricia e ginecologia del presidio ospedaliero di Licata, oggetto di uno specifico dispositivo di deroga ministeriale, ma anche delle unità operative degli altri nosocomi. Il nuovo impulso all’attività dei punti nascita fa peraltro seguito all’adeguamento strutturale ed impiantistico, già concluso, della nuova sala travaglio all’interno dell’Unità di ostetricia e ginecologia del “san Giovanni di Dio di Agrigento”. I locali della sala, forniti anche di unazona filtro e di un bagno disabili, soddisfano le disposizioni di accreditamento normativo anche sotto il profilo della privacy e della sicurezza delle pazienti ed assicurano la possibilità far fronte ad un maggiore numero di eventi parto.