SHARE

Sono senza stipendi e senza pensione, per questo gli esodati tornano in piazza sollecitando l’ottava salvaguardia e la riforma pensioni 2016. L’appuntamento, ricorda la Cgil nel suo ‘Mattinale’, è per le 10 di questa mattina di fronte al ministero dell’Economia e delle Finanze in via XX Settembre, dove si terrà un presidio per chiedere l’approvazione dell’ottava salvaguardia per gli esodati e una soluzione per i lavoratori che hanno iniziato a lavorare giovanissimi. Alla manifestazione saranno presenti i segretari confederali Vera Lamonica, Cgil, Maurizio Petriccioli, Cisl, Domenico Proietti, Uil, insieme alla Rete dei Comitati degli esodati e ai Comitati dei lavoratori precoci. “È necessario – spiegano i tre sindacalisti in una nota sulla riforma pensioni 2016 – porre la parola fine a questa annosa questione che vede ancora migliaia di lavoratori coinvolti. Per questo Cgil, Cisl e Uil chiedono al governo di varare un’ultima misura che possa essere definitiva e in grado di offrire una soluzione ai problemi lasciati irrisolti dalle salvaguardie ad oggi varate, e di avviare il confronto con il sindacato sui temi della flessibilità pensionistica e sui problemi dei lavoratori precoci”.

SHARE