SHARE

La casa museo di Luigi Pirandello tra Agrigento e Porto Empedocle abbandonata al degrado tra ruggine, crepe, erbacce e zecche come documentato dall’Ansa? La Regione siciliana lo sa da tempo, ma nessuno è mai intervenuto. A denunciarlo, oggi, è Gabriella Costantino, storico dell’arte e dirigente della casa museo, dove vengono custoditi oggetti personali e documenti del premio Nobel per la letteratura.

“Ho inviato al dipartimento Beni culturali della Regione tre programmi di manutenzione ordinaria, più un piano per il restauro del fondo antico”, ha chiarito all’Ansa la Costantino, che guida la casa museo da un paio di mesi. Ma – fa sapere – nessuna risposta e’ mai arrivata. L’ultima manutenzione risale a 15 anni fa. La situazione peggiora di giorno in giorno tanto che la dirigente ha trasmesso al dipartimento anche una richiesta di interventi di somma urgenza perché dal soffitto ci sono infiltrazione d’acqua, una minaccia per le stanze dove viene custodito il patrimonio culturale lasciato dal grande scrittore siciliano. Anche sul fronte delle iniziative culturali tutto e’ fermo.

Silenzio dalla Regione a tre progetti per potenziare le attività culturali della casa museo, mentre la dirigente Costantino aspetta risposte dall’assessorato regionale ai Beni culturali al piano inviato lo scorso luglio per le iniziative da finanziare con i fondi europei. “Sto lavorando intanto – spiega all’Ansa Gabriella Costantino – a un progetto culturale da far rientrare in ‘le vie degli scrittori'”.