SHARE

“Un magistrato in forza alla Procura di Ragusa e’ stato fatto oggetto di un’aggressione, verosimilmente legata alla propria attivita’ di contrasto all’illegalita’ del territorio”: a rendere noto l’episodio e’ il senatore del Pd Giuseppe Lumia, che in un’interrogazione parlamentare – senza fare il nome del Pm vittima dell’attacco spiega l’Agi – chiede chiarimenti e pone una serie di questioni sulla mafia nel mercato ortofrutticolo di Vittoria (Ragusa), tra i piu’ importanti d’Italia, sulle continue minacce di morte al giornalista dell’Agi, Paolo Borrometi e sui mafiosi locali che inquinano la filiera dell’ortofrutta da Vittoria Milano, passando per Fondi. Secondo quando apprende l’Agi, il sostituto procuratore aggredito e’ titolare di alcune inchieste sulla criminalita’ vittoriese e in particolare di quella sul gravissimo danno ambientale causato dallo smaltimento illecito delle coperture in plastica delle serre e di altro materiale usato nelle coltivazioni. L’aggressione e’ avvenuta a Ragusa. Sconosciuti hanno atteso il Pm all’uscita dal palazzo di giustizia, lo hanno seguito fino alla sua auto e quindi lo hanno spintonato e insultato, intimandogli di “smetterla con questa storia della plastica”.
Vittoria, scrive Lumia, “rappresenta da tempo un’emergenza per la recrudescenza criminale e mafiosa che la riguarda ed e’ salita alla ribalta nazionale grazie alle inchieste giornalistiche del giornalista Paolo Borrometi che ha permesso di mettere in evidenza come dal mercato vittoriese, uno fra i piu’ importanti d’Italia, vengano immessi nella filiera nazionale frutta e verdura, che poi arrivano sulle tavole degli italiani, tramite il ‘triangolo dell’ortofrutta’, Milano, Fondi e Vittoria”. Il senatore Pd fa un vero e proprio elenco di nomi di mafiosi che, a cavallo fra economia legale ed illegale, inquinano la societa’ e rappresentano un “problema nazionale”, un fenomeno “che va colpito per evitare che possa frenare o continuare a condizionare pesantemente l’economia legale e produttiva” in tutto il Paese, proprio per la presenza dell’importante mercato ortofrutticolo.

SHARE