SHARE

“Ma il vostro cardinale viaggia ancora in Vespa?”. Così si è rivolto Papa Francesco, durante l’udienza generale in piazza San Pietro, al sindaco di Agrigento, Lillo Firetto, a Roma con il cardinale Francesco Montenegro e una delegazione di agrigentini all’udienza generale di questa mattina. “Abbiamo donato al Santo Padre il carretto siciliano di pasta di mandorle che trasporta la barca dei migranti – ha detto il sindaco Lillo Firetto in una nota -. Un segno da Agrigento, porta del mediterraneo!”. Presente all’udienza con Papa Francesco anche il sindaco di Lampedusa Giusi Nicolini.
Nel corso dell’udienza il Santo Padre, viene spiegato in una note del comune, ha ringraziato la città di Agrigento per la grande generosità che dimostra nell’accogliere i migranti. Il sindaco Lillo Firetto, presente con la famiglia e che per l’occasione indossava una cravatta con il simbolo della Città dei templi, ha scambiato alcune battute con il Santo Padre a proposito del cardinale che gira in Vespa. “Il nostro vescovo – ha detto Firetto al Papa – ci sorprende ogni giorno”. A Papa Francesco è stato chiesto di benedire il rosario di una ragazza agrigentina gravemente ammalata che non ha potuto prendere parte all’udienza. Prima di congedarsi il Pontefice ha fatto una carezza a Fulvio il figlio maggiore del sindaco di Agrigento, dicendogli scherzando “Ciao bello!”.