SHARE
Gerlandino Messina dopo l'arresto

I giudici della prima sezione penale del tribunale di Agrigento, presidente Giuseppe Melisenda Giambertoni, hanno condannato per mafia a un anno di isolamento carcerario il boSs Gerlandino Messina di Porto Empedocle. Dal 25 giugno 2010, quando venne arrestato a Marsiglia il boss Giuseppe Falsone, al 23 ottobre successivo, quando venne catturato a Favara, Messina fu, secondo le accuse, capo di Cosa Nostra Agrigentina. A Messina, che deve già scontare un ergastolo definitivo per associazione mafiosa ed omicidio, i giudici, come riferisce l’Ansa, hanno applicato l’istituto della continuazione. La condanna prevede, dunque, in aggiunta soltanto un anno di isolamento. Il Pm della Dda di Palermo, Rita Fulantelli, aveva chiesto 22 anni di reclusione.

SHARE