SHARE

“Siamo orgogliosi di piantare oggi quattro alberi di ulivo davanti la chiesa Sant’Antonio Abate”. Lo ha detto uno dei giovani studenti dell’istituto comprensivo “Ezio Contino” di Cattolica Eraclea nel suo messaggio in rappresentanza degli alunni della 1^ A oggi impegnati nella piantumazione di quattro ulivi davanti la chiesa Sant’Antonio Abate.

“Abbiamo fatto nostra l’idea lanciataci dalla professoressa Lina Francaviglia concretizzando così un percorso di educazione alla cittadinanza. Tutto ciò è stato finanziato da noi alunni, dai nostri genitori e dagli insegnanti (Spagnolo, Francaviglia, Gurreri e Fucale). La ditta edile Bongiorno Antonino, che ringraziamo calorosamente, ha contribuito con mezzi e manodopera alla realizzazione del nostro progetto. Con questo gesto vogliamo lanciare un messaggio che ci sta particolarmente a cuore: rispettiamo l’ambiente, rendiamo decoroso ogni angolo del nostro paese. Coloriamolo di verde, noi abbiamo iniziato”.

“Perché proprio l’albero di ulivo? Nella Bibbia – ha detto un’alunna della 1^ A spiegando il perché della scelta – l’albero di ulivo è simbolo di pace, fecondità, benessere e benedizione”. A “benedire” l’iniziativa – durante la quale sono stati donati ai ragazzini cappellini con la scritta “rispettiamo l’ambiente” – il parroco fondatore di Villa del Paradiso don Giuseppe Miliziano.

Di “un evento importante per questo paese” ha parlato oggi il sindaco Nicolò Termine che ha lanciato l’iniziativa “Adotta un’aiuola” chiedendo ai privati di contribuire per rinvigorire il verde pubblico.