SHARE

Costerà la metà il servizio di raccolta, trasporto e conferimento dei rifiuti e sarà ridotta quasi del 50% la tariffa sui rifiuti per i cittadini mentre è pronta a partire per la prima volta a giugno la raccolta differenziata porta a porta. I montallegresi, inoltre, potranno smaltire autonomamente anche i rifiuti organici nelle compostiere domestiche già in questi giorni in distribuzione da parte del comune.

Dopo Siculiana, dunque, anche a Montallegro, l’altro paese sui cui ricade la discarica Matarana di Catanzaro tra le più grandi d’Italia, si avvia un nuovo corso nella gestione del ciclo dei rifiuti. La ditta “Giglione servizi ecologici srl” di Joppolo Giancaxio, si è aggiudicata nei giorni scorsi per 302mila euro più Iva, con un ribasso del 67% rispetto alla base d’asta, la gara d’appalto espletata dalla centrale di committenza unica dell’Unione dei comuni Bovo Marina, Eraclea Minoa e Torre Salsa. Il comune risparmia così metà delle spese rispetto ai costi attuali del servizio gestito dalla Gesa, circa 600 mila euro più Iva. Il contratto con la ditta Giglione avrà intanto la durata di un anno, poi di dovrà procedere al rinnovo.

“Il ribasso sul costo – ha affermato il sindaco Pietro Baglio – ci consentirà di ridurre la Tari in modo significativo, circa del 50%, con gran beneficio per i cittadini e ci permetterà si svolgere adeguatamente  il servizio di raccolta differenziata, che era tra i punti più importanti del nostro programma elettorale”.

Intanto, sono già in distribuzione le prime compostiere per la raccolta dei rifiuti organici da trasformare in fertilizzante. “Il comune, nell’ambito delle iniziative finalizzate alla riduzione dello smaltimento dei rifiuti, promuove il compostaggio domestico attraverso l’uso di compostiere per l’auto-smaltimento dei rifiuti organici: scarti alimentari, alimenti avariati, fondi di caffè e simili”, ha comunicato l’assessore all’Ambiente Andrea Iatì. “La compostiera – ha aggiunto – è un contenitore studiato per praticare il compostaggio, un processo naturale che avviene grazie alla trasformazione delle sostanze organiche in compost, ossia fertilizzante per le piante. Gli interessati proprietari di orti, giardini, aree verdi e simili possono chiedere la fornitura della compostiera in comodato d’uso gratuito all’ufficio tecnico comunale”.

SHARE