SHARE
La spiaggia di Bovo Marina a Montallegro

“Turismo, che fare?”. E’ questo il titolo dell’incontro di presentazione del progetto di albergo diffuso a Montallegro in programma lunedì 13 giugno alle ore 17.30 nell’aula consiliare Falcone e Borsellino. Il sindaco Pietro Baglio e l’assessore al Turismo Andrea Iatì invitano la cittadinanza a partecipare.
“L’iniziativa nasce dalla necessità – spiegano il sindaco Baglio e l’assessore all’Ambiente in una nota – di dare una prospettiva di sviluppo turistico a Montallegro e non solo,visto,tra l’altro,che anche l’Unione dei Comuni di Bovo Marina, Eraclea Minoa e Torre Salsa condivide questo progetto. Per quanto ci riguarda, nell’ambito del rispetto dell’ambiente,siamo certamente favorevoli ad insediamenti ricettivi di grande portata come quello dell’Adler a Torre Salsa che comunque sono capaci di per sé di intercettare flussi turistici nazionali ed internazionali,ma siamo anche e soprattutto per promuovere un turismo relazionale nella nostra comunità che possa generare indotto economico ed offrire un contributo contro lo spopolamento del paese. Infatti,in estrema sintesi l’albergo diffuso è un modello di ospitalità e di sviluppo del territorio originale.Si tratta di organizzare quello che già c’è nel paese…B&B,case vacanza,case in affitto,case nel centro storico ecc. secondo determinati parametri per offrire una degna accoglienza ai visitatori,il tutto senza alcun impatto ambientale.E’ chiaro che all’albergo diffuso si legano tanti fattori come il decoro urbano, l’efficienza dei servizi,la fruibilità dei beni culturali, degli impianti e strutture sportive, la fruibilità di percorsi naturali,le tradizioni culturali e religiose,la enogastronomia i prodotti tipici,agricoli e caseari ecc. In tal senso l’amministrazine comunale ha già progettato l’allestimento del museo della civiltà contadina i cui reperti sono già in fase di trattemento;il recupero dell’antico agglomerato urbano di Monte Suso,la strada di collegamento sul litorale marino tra Bovo Marina ed Eraclea Minoa per cui a giorni si terrà una conferenza di servizi;nonché ha affidato già l’incarico alle ditte per la raccolta differenziata e la manutenzione dell’impianto di pubblica illuminazione a LED non solo nel centro abitato ma anche nella zona a mare. Certamente,ancora resta molto da fare…..ma avendo chiaro la visione dello sviluppo del paese che non può prescindere dalla sua naturale vocazione turistica,sappiamo cosa fare e dove andare…… E’ nostra intenzione,infatti,procedere ad interventi di recupero urbano del paese attraverso anche un piano del colore dei prospetti delle abitazioni con i fondi già finanziati all’Area Interna Sicani di cui Montallegro fa parte;attraverso i fondi della mitigazione ambientale della discarica che per legge toccano al comune si ha l’intenzione di intervenire nella zona a mare e sull’impiantistica sportiva e quindi migliorare la qualità di vita del paese……… Questa è la sommessa su cui tutti noi dobbiamo puntare se per davvero vogliamo assicurare un futuro al paese e alle giovani generazioni.Oggi,questo si puo fare!Montallegro non è più quello di ventanni fà.La mentalità dei montallegresi, oggi, è più incline al turismo, tante sono le iniziative private sorte negli ultimi anni. cantine,resot,case vacanza, B&B, agriturismi,ristoranti pizzerie ecc. e c’è la possibilità di intraprendere un cammino a cui tutti dobbiamo partecipare. Basta crederci! Di tutto questo si dicuterà nella riunione a cui parteciperanno esperti e tecnici del settore. La cittadinanza è invitata a partecipare”.

SHARE