SHARE
Giuseppe Lauricella

“Non ritengo che la soluzione di tutto sarebbe tornare alla formula dell’Ulivo. Ne’ ritengo, conseguentemente, opportuno riproporre il premio alla coalizione. Anzi, cio’ significherebbe tornare alla formazione di liste inconsistenti sul piano elettorale ma condizionanti sul piano della maggioranza. Non credo che Renzi arretri su tale punto. Sbaglierebbe”. Lo afferma in una nota il deputato Pd Giuseppe Lauricella, parlando dell’Italicum. “La riforma costituzionale va sostenuta. Potrebbe esserci un problema con l’Italicum. Ma cio’ non puo’ bloccare il percorso della riforma costituzionale. D’altra parte, se la Corte costituzionale rimarra’ coerente con la propria giurisprudenza in materia, potrebbe risolvere il problema affrontando gli aspetti relativi sia al principio della proporzionalita’ tra voti effettivamente ottenuti da una lista e premio di maggioranza (messa a rischio dal ballottaggio), sia all’esigenza di corrispondenza tra volonta’ degli elettori ed eletti con le preferenze nei collegi (atteso il riparto nazionale), sia, ancora, probabilmente, all’anomalia della previsione delle multi candidature “bloccate””, sottolinea. “L’intervento della Corte potrebbe eliminare l’argomento (Italicum) su cui alcuni poggiano le ragioni di opposizione alla riforma costituzionale. Sempre che, poi, non ne trovino altri. Per il resto, non mi iscrivo al club del tiro al bersaglio: se c’e’ una difficolta’ occorre tutto il sostegno al segretario e al partito”, conclude Lauricella.

SHARE